PREMIO GREGOR VON REZZORI

Giglio

CITTÀ DI FIRENZE

XIV Edizione

 

26-28 Maggio 2020

Vince

Richard Powers

Il sussurro del mondo

(The Overstory)

 

 

Richard Powers nasce a Evanston, nell’Illinois, nel 1957, e cresce tra la Tailandia e l’America. Si interessa di Fisica, che comincia a studiare alla University of Illinois, ma cambia idea e si laurea in Lettere. Inizia a scrivere. Il suo primo libro, scritto quando Powers ha ventotto anni, s’intitola Tre contadini che vanno a ballare, ed esce nel 1985. Scrive il secondo nel 1988, Il dilemma del prigioniero, con il quale gli viene assegnata la prestigiosa MacArthur Fellowship (Genius Grant). Nel corso della sua carriera scrive altri dieci libri. L’ultimo, Il sussurro del mondo, uscito l’anno scorso in Italia con La Nave di Teseo, gli è valso il Premio Pulitzer.

 

La caratteristica dei suoi libri è di esplorare il rapporto tra gli esseri umani, la tecnologia e il mondo naturale.

 

 

Il romanzo di Richard Powers, The Overstory, pubblicato da La Nave di Teseo con il titolo Il sussurro del mondo, è un’opera monumentale per la sua architettura complessa che ricorda quella di una cattedrale o di una sinfonia, si potrebbe anche definire omerica.

 

Margaret Atwood si è chiesta chi sarebbe stato Powers se fosse stato uno scrittore dell’Ottocento. Sarebbe stato Herman Melville e avrebbe scritto Moby Dick. Qui al posto del mare c’è il mondo della natura, il popolo degli alberi, una comunità evoluta e intelligente, saggia ed equilibrata, che è alla pari degli esseri umani anche perché è in grado di costruire un linguaggio e di scambiare messaggi. Per questo le storie dei nove protagonisti del romanzo si intrecciano a quella degli alberi in mezzo ai quali vivono. I boschi e le foreste d’America non sono una semplice cornice, uno sfondo di grande bellezza su cui commuoversi, ma veri protagonisti che affascinano il lettore.

 

In questo sorprendente romanzo le radici dei vari personaggi sono sparse per l’intero pianeta, dalla Cina alla Norvegia e all’India, fanno parte di una storia che ci riguarda tutti, tocca l’intero universo, assume un respiro cosmico.

 

Quest’opera americana sembra destinata a segnare una data nella storia della letteratura americana, ma fa anche pensare ad Omero per la vastità e diversità delle civiltà toccate nel suo viaggio: sia uomini che alberi, entrambi preoccupati dal quasi impossibile compito di salvare il mondo.  

SHORTLIST NARRATIVA STRANIERA E TRADUZIONE

 

Il Premio Gregor von Rezzori – Città di Firenze è ideato dalla Fondazione Santa Maddalena presieduta da Beatrice Monti della Corte, è sostenuto dal Comune di Firenze, promosso dal Centro per il libro e la lettura del MiBACT e patrocinato da Regione Toscana.

 

La giuria del Premio Gregor von Rezzori – Città di Firenze, composta da Beatrice Monti della Corte, Ernesto Ferrero (presidente), Andrea Bajani, Maylis de Kerangal, Andrea Landolfi, Alberto Manguel e Edmund White, annuncia la shortlist per la sezione narrativa straniera e traduzione:

 

Rawi Hage

Il gioco di De Niro
(Playground, trad. di Anna Tagliavini)

 

 

Khaled Khalifa
Morire ė un mestiere difficile
(Bompiani, trad. di Maria Avino)

 

 

Philippe Lançon
La traversata

(Edizioni E/O, trad. di Alberto Bracci Testasecca)

 

 

Richard Powers
Il sussurro del mondo
(La Nave di Teseo, trad. di Licia Vighi)

 

 

Samanta Schweblin
Kentuki
(Sur, trad. di Maria Nicola)

 

Il premio per la migliore traduzione in italiano è stato assegnato da Andrea Landolfi a:

Monica Pareschi per la traduzione di:

Cime Tempestose (Wuthering Heights) di Emily Brontë

(Einaudi)

 

Potrai seguire il programma della XIV Edizione del Premio Gregor von Rezzori – Città di Firenze sul sito www.cinemalacompagnia.it, la Casa del Cinema della Regione Toscana e, successivamente, sul canale Youtube della Santa Maddalena Foundation.

Programma:

 
Martedì 26 maggio
 

ore 17.00
Saluti del Sindaco Dario Nardella
Introduce Ernesto Ferrero
Jennifer Clement Lectio Magistralis Poesie ed errori

 

Mercoledì 27 maggio

 

ore 17.00
Conversazione di Alberto Manguel con Rawi Hage
 Il gioco di De Niro (Playground)

 

ore 17.30
Conversazione di Hisham Matar con Khaled Khalifa
Morire è un mestiere difficile (Bompiani)

 

ore 18.00
Conversazione di Maylis de Kerangal con Philippe Lançon 
La traversata (Edizioni e/o)

 

ore 18.30
Conversazione di Edmund White con Richard Powers 
Il sussurro del mondo (Nave di Teseo)

 

ore 19.00
Conversazione di Andrea Bajani con Samantha Schweblin 
Kentuki (Sur)

 

Giovedì 28 maggio

 

ore 17.00
Fabrizio Gifuni legge da Cime Tempestose
Intervento di Andrea Landolfi con Monica Pareschi, la vincitrice del
Premio Gregor von Rezzori per la traduzione
per Cime tempestose di Emily Brontë (Einaudi)

 

ore 18.00
Ralph Fiennes e Santa Maddalena, Amicizia e partecipazione
Brani dal film Wuthering Heights (1992)

 

ore 18.30
Saluti della Vicesindaco Cristina Giachi
Annuncio del vincitore della XIV edizione del
Premio Gregor von Rezzori – Città di Firenze
con Beatrice Monti della Corte da Santa Maddalena

I vincitori si sarebbero dovuti ritrovare a Firenze dal 26 al 28 maggio per una serie di incontri con i lettori e con i loro traduttori, al termine dei quali, durante una cerimonia a Palazzo Vecchio, sarebbe stato proclamato il vincitore del Premio Gregor von Rezzori – Città di Firenze.

Purtroppo quest’anno, a causa delle drammatiche circostanze che hanno toccato tutti, il Premio si svolgerà solo online, un modo per riaffermare ancora una volta il valore della letteratura.

 

“Questo è un anno fuori dal comune; malgrado questo non abbiamo voluto rinunciare alle nostre belle tradizioni; ma, date le condizioni in cui si trova il mondo intero, abbiamo cercato di condividere in un altro modo le letture e premiare gli straordinari talenti che non sono stati toccati dall’epidemia. Crediamo fermamente che la lettura sia una panacea efficace, se non altro per la nostra mente. Il nostro programma ve ne darà la prova.”

 

-Beatrice Monti della Corte

 

Sarà possibile seguire il Festival sul sito www.cinemacompagnia.it, la Casa del Cinema della Regione Toscana e sui canali social del Premio.

Quest’anno ricorre il ventennale della Fondazione Santa Maddalena, istituita nel 2000 da Beatrice Monti della Corte nella sua casa a Donnini nel Valdarno, nella quale si era trasferita nel 1967 con il marito Gregor von Rezzori. Proprio in questa casa egli ha scritto senza sosta e con grande felicità, spesso ospitando i suoi amici e colleghi, fino alla fine della sua vita nel 1998. Un anno dopo Beatrice ha creato la Fondazione Santa Maddalena, che ospita scrittori provenienti da tutte le parti del mondo per dei periodi di lavoro. Organizza dal 2007 il Premio Gregor von Rezzori – Città di Firenze, un festival di letteratura internazionale che promuove l’incontro tra interessanti scrittori contemporanei, traduttori e un pubblico cosmopolita.

 

 

Ufficio stampa
Patrizia Renzi
patrizia@renzipatrizia.com
+39 3398261077


Coordinamento Santa Maddalena Foundation
Caterina Toschi


Segreteria organizzativa Santa Maddalena Foundation
Nicolás Gaviria, Falcone Geddes


Comunicazione
Studio Neri Torrigiani | www.torrigiani.com


Festival degli Scrittori – Premio von Rezzori FB 
https://www.facebook.com/premiogregorvonrezzori/

In collaborazione con:
Cinema La Compagnia di Regione Toscana, Gabinetto Scientifico Letterario G. P. Vieusseux, Opera Santa Croce, Todo Modo, Associazione Culturale Wimbledon: la Città dei Lettori, Università degli Studi di Siena, Università per Stranieri di Siena.

Si ringrazia:
Volker Schlöndorff, Fondazione Paul Thorel, Marchesi Frescobaldi